Btp Futura, lunedì parte il bond anti-crisi

03 lug 2020

Il tesoro alza l'ultimo velo sul BTP Futura, comunicando quanto renderà il nuovo titolo di stato per piccoli risparmiatori che servirà interamente a sostenere l'emergenza sanitaria e la ripresa economica. L'Italia è a caccia di miliardi per finanziarsi e i suoi titoli del debito piacciono al mercato, tanto che le ultime aste registrano richieste di molto superiori alle offerte, complici i guadagni garantiti, più alti di quelli degli altri Paesi Europei. Per il BTP Futura, nel primo periodo di quattro anni, ci sarà un rendimento lordo minimo dell'1,15% che poi salirà all’1,30 nei tre anni successivi e ancora all’1,45 fino alla scadenza fissata in dieci anni. Tassi rivedibili al rialzo solo a partire dal 2024 con l'obiettivo di remunerare di più chi terrà il bond a lungo nel cassetto. Chi presta i suoi soldi allo Stato, questa l'essenza di ogni titolo pubblico, oltre alla crescita delle cedole staccate ogni sei mesi e tassate al 12,5% potrà avere anche un premio fedeltà, ma solo se lo terrà fino alla scadenza. Il premio sarà calcolato sulla base dell'andamento della crescita economica cioè del prodotto interno lordo e compreso tra un minimo dell'uno e un massimo del tre per cento. Se, quindi, per esempio, dopo 10 anni il Pil in media sarà aumentato del 2%, chi ha conservato il titolo per tutto il tempo, riceverà 20 euro ogni 1.000 investiti, che è fra l'altro l'importo minimo di investimento. Il BTP Futura si potrà acquistare dal 6 al 10 luglio alla Posta, in banca o da casa, tramite collegamento internet col proprio Istituto di Credito. Non si pagano commissioni per comprarlo e in asta avrà un prezzo fisso, cioè non determinato dal mercato. Si tratta di una ulteriore tutela per chi vuole investire i propri soldi senza troppi rischi. L'obiettivo è infatti spingere di più famiglie e piccoli investitori a comprare il debito pubblico che, a causa dell'impatto della pandemia è destinato ad aumentare. Ora la quota di titoli di stato, detenuta direttamente dai risparmiatori è inferiore al 4%. Venti anni fa era del 10%.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.