Clima, quanto dobbiamo spendere per evitare il disastro

03 nov 2021

Eh sì, a Glasgow si parla di miliardi, di bilioni, di trilioni. Allora cerchiamo di fare un po' di chiarezza su, davvero, quanto ci costa la transizione climatica. Beh forse possiamo essere un po' sorpresi perché, questi sono dei dati che abbiamo trovato, che abbiamo messo assieme, diciamo, la spesa potrebbe anche essere sostenibile, questa è una buona notizia. Prendiamo. Questi sono gli investimenti che sono necessari da qua al 2050 per raggiungere il famoso "net zero" cioè la neutralità climatica entro il 2050. Però interessa il sondaggio tra i maggiori esperti di economia climatica che dicono sostanzialmente che ogni anno dobbiamo spendere di più di oggi tra il 2 e il 3% del PIL globale quindi una percentuale che sembra piccola, poi sono, anche qua, migliaia di miliardi però comunque una percentuale piccola rispetto al totale. Il Fondo Monetario Internazionale è un po' più ottimista perché dice l'1% però, visto che stiamo parlando di una marea di soldi cerchiamo di confrontarlo con cose che magari conosciamo meglio. La spesa militare ogni anno, tutti i Paesi del mondo, spendono il 2,35% per finanziare i propri eserciti, quindi sostanzialmente ciò che ci servirebbe, appunto, per evitare il disastro climatico. La pandemia, noi abbiamo speso il 16,5% quindi molto di più in un solo anno, l'anno terribile del 2020, per, appunto, contrastare la crisi pandemica, quindi molto di più di quanto, ogni anno, ovviamente queste sono spese annuali, quelle per il clima, dovremmo spendere. E c'è anche un'altra buona notizia. Perché? Perché, a differenza dell'Esercito e della pandemia in cui lo Stato ha fatto la gran parte delle spese, qua invece sono i privati che dovrebbero farlo. L'Agenzia Internazionale dell'Energia prevede che il 70% degli investimenti necessari arrivino proprio dai privati perché evidentemente vedono delle opportunità di profitto, di crescita, di creazione di posti di lavoro. Però, ecco, se i numeri dicono questo che quindi è possibile, diciamo, portare avanti la transizione bisogna volerlo e bisogna avere una buona volontà politica per farlo perché non è sempre così. Sappiamo della promessa fatta nell'accordo di Parigi del 2015 di dare almeno 100 miliardi all'anno ai Paesi in via di sviluppo per, appunto, attuare la transizione, aiutarli dai Paesi più ricchi. Beh, non ci sono ancora arrivati. Questa è una promessa mancata. L'ultimo dato 2019 dell'OCSE è poco meno di 80 miliardi. Anche quest'anno, anche l'anno scorso e anche quest'anno probabilmente non ci arriveremo quindi questo è un segnale di allarme, diciamo. Però dobbiamo anche vedere non solo quanto ci costerà la transizione, tantissimi soldi, ma anche quanto perderemo se invece non facessimo nulla che sono davvero molti soldi in più. E le vediamo. Questo è un altro grafico fornito da Reuters. Se non facessimo nulla, cioè se da oggi in poi non investissimo più sul clima al 2030 avremo un calo del PIL globale del 2,4%, al 2050 del 10%, al 2100, a fine secolo, del 18%. Anche qua vediamo di confrontarli con qualcosa che conosciamo meglio. L'anno scorso, anno della pandemia, anno di una crisi pazzesca, abbiamo il PIL globale calato del 3,1%, quindi 1/6 di quanto invece potrebbe succedere se alla fine del secolo non facessimo niente e ci fosse questo disastro climatico. Quindi molta attenzione. I soldi ci sono ma vanno spesi perché queste cifre fanno paura.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast