Coronavirus, mercati asiatici tranquilli e cresce ecommerce

20 feb 2020

Le Borse in Asia continuano a veleggiare tranquille, nonostante permangano le preoccupazioni relative al coronavirus. Ma come mai i listini macinano sedute positive, mentre le economie arrancano? Diverse le risposte. Gli analisti tendono a pensare che gli aiuti della Banca centrale cinese stiano sostenendo la cosiddetta capitalizzazione, ovvero il valore di Borsa delle aziende e quindi il mercato azionario. Questo spiegherebbe perché le Borse siano destinate a salire ancora, nonostante tutto, coronavirus incluso; hanno più vento a favore che contrario. Inoltre in questo clima l'e-commerce sta traendo vantaggio. Secondo quanto riportato da “Le Figaro”, rispetto all'anno scorso le vendite online sono aumentate del 300%. Ma se le misure di emergenza sostengono i listini, altrettanto non riescono a fare per l'andamento dell'economia reale del Paese, ormai fermo da un mese e mezzo, in un contesto globale in cui, USA a parte, la situazione era già piuttosto degradata prima dell'emergenza sanitaria. La produzione industriale è letteralmente crollata in Germania, Italia, Francia, a causa delle tensioni commerciali, alle quali si sommerà l’effetto del virus, perlomeno nei primi 4 mesi dell'anno, come sostenuto da molti imprenditori. Il comparto auto ha ripreso l'attività delle fabbriche in Cina, ma lo stop prolungato di febbraio avrà di certo delle conseguenze.

pubblicità