Cos'è e che funzioni ha il ministero transizione ecologica

11 feb 2021

Nel prossimo governo potrà vedere la luce un nuovo Ministero, quello per la Transizione ecologica, Cosa potrebbe cambiare concretamente? Il Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare già oggi si occupa di transizione, ambientale, ma evidentemente chi propone il nuovo organo di governo aspira a includervi anche competenze più economiche. Le materie che potrebbero essere annesse sono in effetti pesanti: i trasporti e le infrastrutture, ora in capo al ministero specifico guidato da Paola de Micheli, l'energia, sotto la responsabilità del Ministero per lo sviluppo economico, e appunto la tutela dell'ambiente. Oggi, invece, non c'è una sola struttura dedicata che si occupa di transizione economica verso uno sviluppo più sostenibile. Tanto che l'ultimo intervento più importante in questo senso, il superbonus 110% per le ristrutturazioni, è stato concepito direttamente a Palazzo Chigi. Guardando all'estero, in Francia è stato istituito nel 2017 un Ministero per la transizione ambientale: comprendeva inizialmente l'ambiente, il clima, l'energia, l'economia sostenibile e i trasporti. Mai in un rimpasto dell'anno scorso l'economia sostenibile è ritornata al Ministero dell'Economia. In Spagna invece il premier Pedro Sánchez ha affidato al Ministero per la transizione ecologica un pacchetto più limitato: energia, ambiente e clima. Il nuovo Ministero italiano, se davvero si concretizzasse, dovrebbe probabilmente occuparsi dell'attuazione del recovery plan. L'Europa chiede infatti di spendere il 37% dei fondi sulla transizione ambientale, è però chiaro che una riorganizzazione ministeriale non si potrebbe portare a termine dal mattino alla sera. Se davvero i tre ministeri Ambiente, Sviluppo economico e i Trasporti fossero coinvolti, ci sarebbero più di 10 mila dipendenti da riorganizzare. Un processo che potrebbe durare dei mesi, proprio quando l'Europa chiede invece velocità e qualità per la scrittura del piano italiano per la spesa e le riforme.

pubblicità
pubblicità