Perché le criptovalute consumano così tanta energia. VIDEO

14 mag 2021

Le criptovalute inquinano, decisamente. Se n'è accorto anche l'imprenditore visionario Elon Musk, che per ragioni ambientali ha deciso di non accettare più Bitcoin per l'acquisto delle sue auto Tesla. Le criptovalute infatti, non sono basate su un sistema centrale di controllo, non esiste nessuna Banca Centrale del Bitcoin, ma si fondono sulla rete Blockchain. Si tratta, sostanzialmente, di un registro decentralizzato che raccoglie ogni transazione. Quando ci si scambia, per esempio un Bitcoin, la transazione deve essere validata e organizzata nella catena. A questo servono i cosiddetti Miner, i minatori, che garantiscono la potenza di calcolo necessaria, in cambio di un compenso in nuovi Bitcoin appena creati. Per farlo, i computer che mettono a disposizione, sono impiegati a risolvere complessi problemi matematici, necessari a rendere sicura la transazione e chi tra i Miner ci riesce più velocemente, vince. Una competizione che però consuma enormi quantità di energia elettrica. Le transazioni giornaliere, infatti, sono nell'ordine delle centinaia di migliaia, tanto che se Bitcoin fosse uno Stato, sarebbe oggi il 26esimo Paese più energivoro del mondo, consumando quanto Egitto e Polonia e metà dell'Italia. E più aumentano le transazioni, più energia è richiesta. Dall'inizio dell'anno scorso, l'elettricità necessaria è più che raddoppiata. Se tutta questa energia fosse prodotta attraverso fonti rinnovabili, non rappresenterebbe un grosso problema, ma in realtà due terzi dei Data Center si trovano in Cina, che ricava circa il 60% della propria energia dal carbone. Ma Bitcoin non è l'unica criptovaluta a richiedere tali quantità di energia. Ethereum, la seconda valuta crittografata per diffusione, infatti ha già raggiunto quasi un terzo dell'energia richiesta da Bitcoin, perché si basa sullo stesso sistema, come pure Dogecoin, nato per scherzo ma ultimamente molto apprezzato, che però almeno per ora, consuma decisamente meno. Ma le alternative ecologiche esistono anche per le criptovalute, come Cardano, basato su una diversa tecnologia, che non a caso, ha visto il proprio valore crescere nelle ultime ore.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast