Fisco, lavoro, investimenti: l'"agenda Draghi"

10 feb 2021

Tra le priorità nel programma di un eventuale Governo Draghi ci sono: Fisco, lavoro, investimenti nel corso delle consultazioni con i partiti, ad esempio, il premier incaricato ha indicato la necessità di mettere mano all'IRPEF, di riformare la tassazione in senso più equo, rivedere le aliquote, mantenendo la progressività del fisco in base a questa impostazione si allontanerebbe qualsiasi ipotesi di flat tax, l'obiettivo principe resta la lotta all'evasione, evitando nuovi condoni con nessuna intenzione, infine, di introdurre nuove tasse. Altro punto al centro del programma di Draghi è il lavoro. Il primo scoglio sarà decidere se prorogare o meno il blocco dei licenziamenti. Una misura che pare non molto in linea con le ricette, ancora recentemente suggerite dal premier incaricato, l'intenzione di ridurre le tasse sul lavoro e riordinare i sussidi. Per chi perderà il posto andranno immaginate forme di sostegno che dovrebbero passare da una riforma degli ammortizzatori, per le imprese, soprattutto le piccole e medie, serviranno ancora ristori, anche se in futuro è ipotizzabile la fine dei sussidi a pioggia in favore di aiuti più selettivi. Altro punto toccato dal premier incaricato durante le consultazioni, gli investimenti, soprattutto nelle infrastrutture, nel turismo, mettendo anche al centro, come chiede l'Europa, l'ambiente, nell'indicare la necessità di aprire i cantieri, Draghi ha poi citato il modello Genova. Quanto agli aiuti europei, il Mes sembra essere rimasto fuori dai temi delle consultazioni, mentre il recovery plan sarà sì cambiato, ma non stravolto. Si partirà dal lavoro fatto dal precedente esecutivo. E se il programma vero e proprio è tutto da delineare, su una cosa Draghi è stato piuttosto chiaro, il suo sarà un Governo europeista e non è escluso che in una visione molto ampia, possa arrivare a mettere sul tavolo di Bruxelles temi come un debito comune permanente e non legato solo all'emergenza come recovery Fand e un fisco europeo per arrivare a un bilancio comunitario.

pubblicità
pubblicità