Fisco, riparte rottamazione. Stop cartelle ad agosto

27 lug 2021

Come da tradizione, ad agosto, nella buca delle lettere, gli italiani non troveranno le temute cartelle esattoriali. La tregua estiva, allunga ancora di più, i termini della sospensione, in vigore dall'inizio della pandemia, dell'invio di decine di milioni di notifiche e avvisi. Non si dovranno pagare le vecchie cartelle scadute dal marzo 2020, c'è tempo fino al 30 settembre e potranno essere saldate a rate e sempre fino a tutto il mese prossimo, il fisco non procederà a ipoteche e pignoramenti, legati ai mancati pagamenti. Con questo fitto calendario, aggiornato col Decreto Sostegni Bis, ripartono invece, i pagamenti delle sanatorie attualmente in corso: la rottamazione ter e il saldo e stralcio del 2020. La data finale, per mettersi in regola con la cosiddetta pace fiscale, che concede sconti su interessi e mora, per chi ha debiti con l'erario, varia a seconda della scadenza originaria. Anche questo rate, infatti, sono state messe in freezer per l'emergenza sanitaria. Per l'elenco dettagliato, si può consultare il sito dell'Agenzia delle Entrate e Riscossione, che ricorda come ci siano cinque giorni di tolleranza, per i pagamenti. Inoltre, poiché alcune date cadono di sabato, c'è qualche giorno in più. In questo modo, per esempio, chi ha rate scadute a febbraio per la rottamazione e marzo per il saldo e stralcio dell'anno scorso, potrà estinguerle entro il 9 di agosto. Per chi sfora i suoi nuovi termini, nessun appello, si perde ogni agevolazione.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast