Gualtieri: risorse pronte in caso di peggioramento economia

02 nov 2020

Al Ministero dell'Economia i tecnici rifanno i conti, ma la manovra finanziaria d'autunno è stata approvata e arriverà in Parlamento entro una settimana al massimo, fa sapere il Ministro Roberto Gualtieri, con un messaggio rassicurante, di fronte a quella che definisce fisiologica ondata di frustrazione per il netto peggioramento dell'epidemia. L'Italia ha fatto bene i conti, rivendica Gualtieri, è stata prudente nelle stime e ha ancora in cascina fieno a sufficienza per superare questa recrudescenza dell'economia che, sottolinea, ha preso di sorpresa tutta Europa. Come a dire: non solo noi. Si rifanno le stime, potremmo avere un quarto trimestre molto negativo, passando dal moderato più 0,4% di Pil indicato a inizio ottobre nella Nadef, a un meno 4% nello scenario più negativo. Una frenata così brusca trascinerebbe i suoi effetti anche nei primi mesi del 2021 ma, assicura il Ministro, la manovra già mette da parte risorse per un inizio d'anno difficile. Per chiudere il testo servirà ancora una settimana nello schema approvato 15 giorni fa c'erano 5 miliardi per la cassa integrazione in emergenza, in parte anticipata col decreto Ristori, e 4 miliardi in un apposito fondo anti-Covid da tenere a disposizione per aiutare le categorie più colpite dalle nuove restrizioni. Non si esclude che il fondo anti-Covid possa essere rinforzato, e potrebbe essere rivista anche la cassa integrazione Covid, col blocco dei licenziamenti collegato. L'ultima intesa con sindacati e imprese prevede altre 12 settimane completamente a carico dello Stato che si potranno attivare fino al 31 maggio, ma che finiranno il 21 di marzo per chi le utilizzi continuativamente. Per i settori più in difficoltà e che abbiano finito gli ammortizzatori come turismo, spettacoli, fiere, eventi, commercio, l'intenzione del governo è quella di prorogare la cassa Covid anche oltre il mese di marzo.

pubblicità