Il gasdotto Tap vale il 10% del gas italiano

22 ott 2021

Ah sì, lo sappiamo, siamo nel mezzo di una vera e propria crisi energetica, una carenza di gas storica, perché il prezzo del gas naturale è salito alle stelle, quello che usiamo per scaldarci ed anche per per cucinare per esempio. Ci sono però alcune novità che potrebbero risolvere, almeno in parte, la situazione una è già attiva. Sono questi gasdotti, li vediamo in giallo, il North Stream 2 in alto che porta il gas dalla Russia alla Germania direttamente senza passare per l'Ucraina ed ha una potenza importante, sono previsti 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno, non è ancora attivo, lo sarà probabilmente nei prossimi mesi, però c'è anche il Tap che questo invece è già attivo e arriva, infatti vedete, in Puglia, sulla sulla costa del Sud Italia attraversa la Turchia, la Grecia, i Balcani si collega a un gasdotto che invece viene dalla Azerbaijan e di questo possiamo già saggiare, diciamo, i risultati perché appunto è già attivo dall'inizio dell'anno. Forse ve lo ricorderete perché c'erano state molte proteste, quindi i NO-TAP in Puglia preoccupati per la devastazione del paesaggio e il suo diciamo peggioramento, avevano protestato molto e vedremo anche com'è andata a finire. Intanto però possiamo verificare appunto i suoi risultati, partendo prima dai numeri. Sono 878 km di lunghezza, di questo gasdotto, quindi evidentemente una lunghezza davvero notevole. La sua portata massima sono 20 miliardi di metri cubi e vedremo dopo cosa vuol dire anche per il consumo italiano possiamo immaginarlo come appunto un tubo di 1,2 metri di diametro massimo, quindi insomma non esagerato, e ha avuto un costo di 4,5 miliardi di euro che arrivano da capitali privati, perché il TAP è gestito da una società privata in cui c'è anche la nostra Snam. Vediamo però cosa rappresenta visto che c'è una carenza di gas, ci manca il gas per riscaldare le case, evidentemente è importante avere un ulteriore contributo. Il consumo di gas in Italia, fatto tutta la somma sono più di 70 miliardi di metri cubi. L'apporto del TAP previsto nel 2021 è 7 miliardi di metri cubi, per adesso siamo 5,6 dovremmo arrivare appunto a 7 miliardi, cioè circa il 10% quindi comunque una percentuale considerevole. Insomma andremo a vedere anche l'anno prossimo se il contributo sarà importante sicuramente in questo momento non può che farci comodo del gas in più che arriva direttamente in Italia, a te.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast