Il governo vuole cambiare il bonus 80 euro

24 mag 2019

Gli 80 euro saranno riassorbiti, la formula firmata Giovanni Tria mette in bilico il destino del bonus voluto dal governo Renzi cinque anni fa. Il Ministro del Tesoro spiega che la misura non sarà cancellata, ma allora che fine faranno quei soldi? Gli 11,7 milioni di italiani con redditi medio - bassi, perderanno quei quattrini, al massimo 960 euro l'anno che prendono adesso? Non è chiaro cosa abbia in mente di preciso il Governo, spostare i 9 miliardi e mezzo che spende adesso lo Stato non è semplice. C'è il rischio di scontentare chi ne beneficia, il bonus adesso va ai lavoratori dipendenti con reddito annuo lordo compreso fra 8 mila e 26 mila 600 euro, più si guadagna meno denari si ricevono. Chi però ha un reddito inferiore a 8 mila euro non prende nulla. Inoltre, poiché questi soldi arrivano ogni fine mese con il cedolino, si verifica quello che in gergo si chiama meccanismo delle porte girevoli, cioè si può rientrare nella platea dei beneficiari a fine anno se il reddito complessivo risulta superiore agli 8 mila euro, ma se ne può anche uscire se si oltrepassa il limite massimo, col risultato, in questo caso, che si devono in tutto o in parte restituire i soldi in più ricevuti con la dichiarazione dei redditi, così come accaduto l'anno scorso a 1,8 milioni di italiani. Anche per evitare questo effetto Palazzo Chigi vuole mettere mano agli 80 euro, nel novero delle ipotesi la Lega propone di trasformare la misura in una detrazione fiscale per i lavoratori, ma in questo modo la platea cambierebbe, col rischio di costare di più e di far rientrare tra i beneficiari anche chi è più ricco. Da mesi poi il Governo parla di voler sfoltire la giungla di sconti fiscali, che vale più di 300 miliardi, ma anche di rimodulare le imposte sui redditi per farne pagare meno, con l'introduzione della flat tax, che nella sua ricetta originale premia chi guadagna di più. Insomma tanti ingredienti ma ancora nulla di concreto, con una certezza, riformare il fisco da capo a piedi è un'impresa titanica, e in passato, nonostante le promesse, nessuno lo ha poi fatto.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.