La Commissione chiede più informazioni sul recovery italiano

03 mar 2021

I colloqui informali con Bruxelles sul recovery plan italiano proseguono. Lo dimostra un documento riservato inviato dalla commissione al Governo italiano, riportato da Repubblica, in cui i tecnici europei esprimono una prima valutazione sul superbonus 110% per le ristrutturazioni edilizie inserito nel recovery plan con 18,5 miliardi di finanziamenti. La lettera della commissione è sulla falsariga dei messaggi arrivati da Bruxelles nelle ultime settimane: il quadro d'insieme delle misure è apprezzato, ma rimane necessario lavorare sui target che si intendono raggiungere. Nel caso del superbonus: i risparmi energetici previsti e sulle riforme quadro, in questo caso quella della pubblica amministrazione. PA che, in effetti, in questi mesi non ha fornito una grande prova di sé sulle procedure burocratiche necessarie per richiedere lo sconto sulle ristrutturazioni. Fino a febbraio era stato richiesto da cittadini e imprese il 5,6% degli stanziamenti del Governo sul superbonus, proprio l'efficacia e l'efficienza della spesa saranno i campi di prova per il nostro Paese. La commissione valuterà ogni sei mesi spese effettuate e bisognerà concludere tutti i progetti entro il 2026, pena la perdita dei fondi Next Generation EU non spesi. Anche per questo il ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini vuole accelerare sui cantieri. 58 opere prioritarie erano già state previste dal precedente Governo e ora il nuovo esecutivo vuole sfornare una seconda lista di infrastrutture essenziali entro fine aprile. Per completarla saranno necessari 28 commissari straordinari, quasi la metà rispetto a quelli proposti dal Governo Conte. La nomina dei commissari era prevista dal decreto semplificazioni di luglio 2020, ma non è ancora operativa. Un testo che è rimasto lettera morta. Dei 37 decreti attuativi necessari per far funzionare la legge ne sono stati approvati solo tre. Proprio ciò che la Commissione Europea vuole evitare succeda con i soldi di tutti i contribuenti europei.

pubblicità
pubblicità