La Manovra finanziaria sarà di 22-25 miliardi

04 set 2017

Un mese e mezzo per far quadrare i conti pubblici. Come ogni inizio di settembre, riaprono le scuole, si programmano le diete e il Governo riapre il quaderno con i numeri della manovra finanziaria. Il Ministro dell’economia, Padoan, ha già avvisato tutti. La strada è stretta, le risorse limitate. Come a stoppare gli appetiti dei partiti già proiettati alle elezioni di primavera. Va presentata in Parlamento il 15 ottobre. Se ne saprà di più il 20 settembre, con l’aggiornamento del DEF. Il nuovo Documento di economia e finanza, rispetto a quello di aprile, dovrebbe contenere una previsione migliore del PIL 2017, dall’1% fino all’1,5%. "Più crescita okay, ma stop preventivo ai facili entusiasmi" - ha ribadito da Cernobbio anche il commissario europeo Moscovici. I numeri finora certi o quantomeno probabili sono pochi. L’entità complessiva sarà tra i 22 e i 25 miliardi. Ci sono poco più di 15 miliardi di clausole di salvaguardia da disinnescare. Sono gli aumenti di tasse, in primo luogo dell’IVA, contenuti nelle finanziarie precedenti, che scatterebbero se il Governo non trovasse il gettito corrispondente. Bisogna, poi, trovare circa 2 miliardi per finanziare i nuovi sgravi contributivi per le imprese che assumono giovani, oltre 1 miliardo per il rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici, 2 miliardi per le consuete spese indifferibili, come le missioni militari all’estero, 1,5 miliardi per gli incentivi del Piano industria 4.0, fino a 1 miliardo per il reddito di inclusione, mezzo miliardo da girare alle Province. Fanno 23,5 miliardi. Dove reperirli? Per ora ci sono i circa 9 miliardi di maggior deficit rispetto alle previsioni precedenti, ma è il massimo della concessione che Bruxelles farà. In più, a spanne, 1 miliardo da tagli alla spesa pubblica, 2 miliardi da misure di lotta all’evasione, 3 miliardi di maggiori entrate fiscali derivanti dall’aumento sopra le attese del PIL. Siamo sui 15 miliardi, insomma. Bisogna trovarne altri 8 o 9 da qui a un mese e mezzo. Bentornato settembre.

pubblicità
pubblicità