L'estate è finita, il bonus vacanza no: 33% non l'ha chiesto

25 set 2020

L'estate è finita pochi giorni fa, il bonus vacanze invece ancora no, anzi è parecchio indietro stando ai dati, il Governo Conte quando lo ha lanciato sospettava che quasi 5 milioni di famiglie lo utilizzassero per pagare alberghi e bed and breakfast e viaggi turistici, in effetti uno sconto fino a 500 euro può essere allettante per molti, soprattutto perché ha diritto al bonus e dunque deve presentare un Isee di massimo 40.000 euro. E invece i numeri però raccontano un'altra realtà. A fine settembre chi ha richiesto il bonus attraverso l'app IO è solo un terzo dell'obiettivo del Governo, cioè un milione e mezzo di famiglie. Ma non tutti questi l'hanno sfruttato ancora come forma di pagamento, 656.000 lo hanno già usato per pagare strutture e pacchetti viaggio, mentre più 800.000 hanno ottenuto lo sconto ma non lo hanno ancora usato, per loro, come anche per chi non lo ha ancora richiesto, ci sarà tempo fino al 31 dicembre, ma ormai raggiungere tutti gli aventi diritto sembra un miraggio. La maggioranza degli italiani, infatti, va in vacanza tra maggio e settembre, mentre negli ultimi 3 mesi dell'anno la voglia e anche la possibilità di andare in vacanza si riducono. Perché dunque bonus vacanza non ha avuto il successo sperato? C'è chi dà la colpa alle procedure burocratiche farraginose per gli operatori turistici e chi invece la scarsa comunicazione anche da parte delle strutture private che, secondo fonti che conoscono i meccanismi del Ministero del turismo, forse non ci hanno creduto fino in fondo.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.