Per Draghi priorità lavoro e crescita, Italia sa cosa fare

13 apr 2019

Il Presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi risponde più volte sull'Italia, al termine dei lavori della riunione del Fondo Monetario Internazionale a Washington e ripete sempre lo stesso messaggio. Quello che ho detto a proposito dell’Italia è che la priorità è la nostra crescita e l'occupazione e l'Italia sa molto bene come farlo. Non vuole elaborare Draghi, consapevole che sul caso italiano bisogna pesare le parole, perché il momento è delicato, con l'FMI che a più riprese in questi giorni di vertice ha ammonito sul rischio Italia che con il suo alto debito e un rallentamento ancora più importante di quello di altri partner europei, deve trovare soluzioni immediate, se non vuole pesare in modo significativo su un’Eurozona già schiacciata da fattori come la Brexit e la guerra commerciale con gli Stati Uniti e che il debito sia una preoccupazione anche in Italia, lo ha precisato lo stesso Ministro Giovanni Tria in conferenza stampa. Nei colloqui che ho avuto in questi giorni, mi pare che questa preoccupazione per il debito italiano non è stata particolarmente sollevata, è chiaro che una preoccupazione per l'alto debito italiano esiste, ma esiste anche in Italia ovviamente, noi ci proviamo sempre di diminuire il rapporto debito/PIL in Italia, perché è un peso per l'economia italiana. Quali sono dunque le ricette? L’FMI in questi giorni non ha nascosto le sue perplessità su soluzioni come il reddito di cittadinanza e Quota 100, così come lo stesso Governatore di Bankitalia Ignazio Visco che d’altra parte ha sottolineato la necessità di una riforma fiscale complessiva. La riforma tributaria dopo 40 anni, passa dalla Riforma Cosciani-Visentini, quindi è un approccio diciamo più ampio. E Tria non a caso fa chiarezza sulla flat tax su cui il Def era apparso vago. “L'intenzione di portarla avanti c’è - assicura il Ministro - ma nel pieno rispetto del principio costituzionale di progressività fiscale”.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.