Prezzi alle stelle negli Usa, inflazione record dal 1982

11 dic 2021

Le auto usate sono roba da ricchi. Così come fargli il pieno, per andare a cena fuori a mangiare una bistecca. Anche se può sembrare una serata modesta, per l’americano medio farlo quest’anno è una stangata. L’inflazione, che corre da sei mesi, a novembre ha appena segnato un nuovo record: rispetto al 2020 l’indice generale dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentato del 6,8%. Mai così alto da 39 anni. È una tempesta perfetta causata dall’elevata domanda - perché l’economia ha riaperto e le persone hanno risparmiato anche grazie a generosi aiuti federali - che ha causato problemi di approvvigionamento di molti prodotti per la difficoltà della distribuzione globale a tenere il passo. Anche senza considerare i beni più volatili, come benzina e cibo, l’aumento anno su anno è comunque del 4,9%. I numeri parlano chiaro. Siccome mancano i chip - prodotti in Asia - per le auto nuove, sono schizzati alle stelle i prezzi delle vetture usate: +31,4%. Il carburante è aumentato del 58%, la carne di manzo del 25%, i mobili del 12% e perfino un semplice caffè oggi costa il 7,5% in più rispetto a un anno fa. Crescono anche gli stipendi, soprattutto quelli bassi, ma non abbastanza e infatti i salari reali nell’ultimo mese si sono contratti dello 0,4%. Un bel guaio per la Casa Bianca e per la Federal Reserve, perché quella che sembrava una fiammata dei prezzi transitoria e circoscritta a uno squilibrio temporaneo tra domanda e offerta si sta allargando: solo nell’ultimo mese, sono aumentati di quasi mezzo punto anche gli affitti.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA