Quota 100, risparmi anche nel 2020

18 lug 2019

La buona notizia è che costerà meno del previsto, la cattiva è che forse quei miliardi potevano essere impegnati in maniera diversa. Stiamo parlando di Quota 100, una delle misure bandiera del Governo gialloverde, quella che permette di andare in pensione prima se si hanno 62 anni di età e almeno 38 di contributi. Ebbene, costerà meno di quanto ci si aspettasse, non solo quest’anno ma molto probabilmente anche nel prossimo. In pratica le risorse accantonate sarebbero troppe. Per quanto riguarda il 2019, lo ha detto chiaramente il Presidente dell'INPS, Pasquale Tridico, la minore spesa preventivata è superiore al miliardo. Si tratta ovviamente di una stima, perché mancano ancora parecchi mesi a dicembre, ma sulla base delle domande di uscite dal lavoro finora presentate e al numero di quelle respinte, si calcola che sfrutteranno questa possibilità molte meno persone di quanto gli studi governativi avevano messo nero su bianco. Dei tre miliardi e mezzo, dunque, stimati per finanziare la riforma fortemente voluta dalla Lega, alla fine se ne risparmia più di un quarto. Il capo dell'Istituto di Previdenza non si sbilancia su come andranno le cose l'anno prossimo, a prendere la calcolatrice, però, ci pensa l'Ufficio Parlamentare di Bilancio. I tecnici dell'Istituto Indipendente partendo dai dati dell'INPS, ipotizzano che anche nel 2020 per quota 100 serviranno meno quattrini di quelli messi a bilancio. Anticipi di pensione potrebbero essere del 29% inferiori alle aspettative, con un risparmio per le casse pubbliche di 2,4 miliardi rispetto a quanto preventivato. Insomma, non sembra che la misura stia avendo il successo sperato, i perché possono essere tanti. Se è vero che chi lascia prima il posto non subisce penalizzazioni economiche dirette è anche vero che stando meno al lavoro, si versano meno contributi e di conseguenza l'assegno risulterà un po' più leggero di quello che si sarebbe preso se, per esempio, si fosse lavorato fino a 67 anni. Altri motivi possono essere legati al tipo di attività svolta, chi non ha un lavoro usurante, chi ne ha uno ben retribuito non sembra aver urgenze di rimanere a casa.

pubblicità

Vuoi vedere altro ?

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.