Rc Auto familiare, risparmi ma anche rischi

19 dic 2019

Quando tra qualche mese il figlio del signor Rossi, ventenne, con un paio di incidenti alle spalle col suo scooter dovrà rinnovare la polizza assicurativa, potrà risparmiare un bel po' di soldi utilizzando la classe di merito del papà che con la sua auto da anni non causa sinistri e quindi paga poco. È questa una delle novità che arriva con la manovra. Dall'anno prossimo si potrà utilizzare, all'interno di una famiglia, la tariffa più bassa esistente fra tutti i mezzi posseduti, senza distinzione fra auto e motorini. Questa agevolazione, inoltre, non sarà legata a un nuovo acquisto, come accade adesso. In effetti qualcosa di simile già esiste ma ha un ambito di applicazione più limitato, perché permette di utilizzare la classe di merito più favorevole esistente in famiglia solo per veicoli dello stesso tipo, escluso il passaggio da auto a moto per esempio e solo per i nuovi contratti assicurativi. Quanto si risparmierà è difficile dirlo, perché dipende dal singolo caso. Chi ha proposto il provvedimento ha parlato di circa il 40% in meno, il che vorrebbe dire anche diverse centinaia di euro all'anno. C'è però un rischio boomerang, ovvero che le imprese ritocchino a rialzo le tariffe per compensare i minori incassi. È la stessa Ania, l'associazione delle aziende assicurative, a dirlo, sostenendo che se i costi per pagare i sinistri restano gli stessi, diventa inevitabile aumentare i prezzi. In pratica, alla fine, tutti gli automobilisti potrebbero sborsare un po' di più. Inoltre la riforma rischia di non centrare uno degli obiettivi principali per i quali è nata, quello di una maggiore equità. Non avrebbero infatti alcun vantaggio le famiglie che hanno una sola macchina e che si presume non hanno tanti mezzi di trasporto perché non possono permetterseli.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.