Recovery fund, in arrivo piano della Commissione europea

26 mag 2020

Le cifre le scoprirà tra poche ore Ursula von Der Leyen dopo settimane di lavoro per trovare la quadra tra le richieste del sud Europa, e i paletti dei cosiddetti frugali. La proposta della Commissione sul Recovery Fund dovrebbe aggirarsi comunque intorno ai 500 miliardi, in linea con quanto suggerito da Francia e Germania. Non solo sussidi però, una parte, forse un quarto, sarà di prestiti da restituire. I fondi saranno disponibili solo dopo la presentazione di progetti concreti in linea con le priorità europee come sanità, ricerca, clima e digitale, e bisognerà anche impegnarsi in riforme strutturali. Le risorse arriveranno tramite l'emissione di titoli garantiti dal Bilancio comune europeo, di certo un passo avanti importante verso l'integrazione. La proposta dovrà essere approvata all'unanimità dai 27, e l'obiettivo dell'Italia, come dice il Ministro Amendola, è quello di chiudere già al Consiglio europeo del 18 giugno, servirà comunque poi anche il via libera dell'Euro Parlamento. Un ruolo centrale spetterà alla Germania, che da luglio avrà la guida di turno dell'Unione Europea. E il presidente Sassoli, dopo un colloquio con la cancelliera Merkel, si dice ottimista. Da quello che ho capito ieri con il Presidente Schäuble e oggi con la cancelliera Merkel, l'ambizione è molto alta. Intanto il Ministro delle Finanze austriaco Bluemel apre alla possibilità che nel Recovery Fund ci sia anche qualche sussidio e non solo prestiti. Un compromesso è possibile, dice, purché non si mutualizzi il debito. Apertura importante in un fronte, quello dei frugali, che non sembra più così compatto. Anche l'Olanda, negli ultimi giorni ha abbassato i toni, proprio mentre i principali sindacati del Paese, criticano la linea intransigente portata avanti finora in Europa dal governo.

pubblicità

Vuoi vedere altro ?

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.