Tempi e soldi del Recovery Fund per i paesi Ue

21 set 2020

Il Recovery Fund sarà al centro dell'attenzione dei governi europei per diverso tempo. La Commissione europea ha fissato alcuni paletti sulle tempistiche. Si comincerà dal 15 ottobre, cioè da quando gli Stati potranno inviare le prima bozze sulle loro intenzioni di spesa. Inizieranno così le trattative per arrivare a gennaio, quando si potranno spedire i piani definitivi da mandare entro fine aprile 2021. Solo una volta concordato il piano con la Commissione e con il beneplacito degli altri Stati membri si potranno spendere i primi soldi. Si inizia con un anticipo del 10% delle risorse, mentre il grosso arriverà entro il 2022. Per ora tra i paesi più popolosi solo la Francia ha preparato una proposta definita; l'Italia invece è un passo indietro, con in mano un documento di linee guida utile a stilare il piano definitivo, mentre Spagna e Germania dovrebbero farsi trovare pronte già forse questa settimana, secondo alcune fonti. La Commissione ha pubblicato anche i numeri sui sussidi che riceverà ogni paese: l'Italia prenderà la fetta più grossa, con 65 miliardi di euro, seguita da Spagna, Francia, Polonia e Germania. E a questi numeri mancano alcuni programmi di spesa minori che fanno raggiungere al nostro Paese quota 81 miliardi. Queste cifre vanno però messe a confronto con quanto gli Stati saranno chiamati a finanziare del programma europeo; anche i sussidi, infatti, andranno ripagati a chi sul mercato presterà i soldi alla Commissione. Per farlo potrebbero essere usati contributi nazionali del bilancio europeo esistenti. Se così fosse, la Spagna passerebbe in testa, con più 40 miliardi di euro, tolti i contributi che dovrà versare nei prossimi anni, mentre l'Italia ne avrebbe netti quasi 30. Francia e soprattutto Germania invece passerebbero in negativo. Insomma, i contribuenti francesi e tedeschi probabilmente ci rimetteranno per pagare la ripresa economica europea. Per questo SkyTg24 monitorerà per i prossimi mesi quanti soldi arriveranno a ciascun Paese europeo con un occhio di riguardo per l'Italia e seguirà anche la vera e propria maratona che impegnerà i governi per presentare i progetti di spesa alla Commissione europea. Un assaggio è già disponibile da oggi sul sito skytg24.it.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.