UE: Italia non tornerà a crescita pre-pandemia nel 2022

11 feb 2021

È la tanto attesa luce infondo al tunnel quella descritta dalle ultime previsioni economiche della Commissione europea, che indicano finalmente una chiara strada verso la ripresa. In Italia nel 2020 la perdita di Pil si è attestata all' 8,8%. Meno peggio di quanto ci si aspettasse tre mesi fa, grazie soprattutto ai buoni risultati del terzo trimestre. Le restrizioni per la seconda ondata di contagi pesano però sul 2021, in cui torna sì il segno più, ma la crescita viene ritoccata al 3,4% per poi consolidarsi l'anno successivo. In media l'Europa tornerà ai livelli pre pandemia nel 2022, dunque prima del previsto, ma per uno stato su quattro servirà più tempo, per questo ammonisce il commissario Gentiloni, attenzione a non ritirare troppo presto le misure di sostegno. I più colpiti sono i Paesi mediterranei ad alta vocazione turistica. Anche l'Italia dovrà attendere almeno tutto il 2023, ma stavolta non siamo il fanalino di coda. Previsioni, queste, su cui pesa l'incertezza della pandemia. Un'accelerazione delle vaccinazioni potrebbe spingere la ripresa, nuove varianti del virus potrebbero costringere a ulteriori restrizioni. Non si tiene conto neppure dell'impatto del pacchetto Next Generation, che comunque in sei anni dovrebbe portare un beneficio al Pil europeo del 3, 3.5%. Molto dipenderà dai singoli piani nazionali: "quello italiano è coerente con gli obiettivi europei ma va rafforzato sulle riforme" dice Gentiloni, "siamo prontissimi a riaprire il dialogo con il prossimo governo". Ma la fiducia a Mario Draghi certamente c'è in Italia come a Bruxelles e sono certo che il suo governo quando avrà il sostegno e la fiducia del parlamento sarà un governo capace di dimostrare non solo un impegno europeista, ma anche una grande efficienza nel cogliere questa occasione storica che abbiano. Quanto a un possibile Ministero per la Transizione ecologica, il commissario non si sbilancia, ma ricorda che il tema è oggi per l'Europa la priorità numero uno.

pubblicità
pubblicità