VIDEO Pil, anche Banca d'Italia rivede le stime al ribasso

07 giu 2019

Le prospettive di crescita per l'Italia nel 2019 non vanno oltre uno zero virgola. L'ultima conferma arriva dalla Banca d'Italia, che, ultima, ma non meno importante, di una lunga serie di istituzioni, ha tagliato le stime sul nostro PIL sia per quest'anno, che dovrebbe chiudere a più 0,3%, che per i prossimi due. Nonostante questo, rimangono tra le previsioni più ottimistiche per il nostro Paese, insieme a quelle dell'Istat. Una stima più alta delle attese dello stesso Governo che si ferma a più 0,2%. Palazzo Kock, però, si riserva di limare ulteriormente la sua previsione per tener conto del dato del primo trimestre, è andato peggio del previsto. Più pessimiste le stime di altre istituzioni. Secondo Bruxelles, con un PIL a più 0,1% saremo fanalino di coda in Europa. E' vero che anche per la Germania le aspettative sono molto meno rosee del previsto, come ha appena confermato anche la Bundesbank, ma cresce comunque più di noi. Per l'Ocse, addirittura l'Italia chiuderà l'anno con una crescita pari a zero e, anzi, fino a marzo prevedevano un meno 0,2. Quanto al 2020, dovremmo fare meglio, ma l'esperienza degli ultimi mesi ci mostra che già per quest'anno le previsioni variano in continuazione, spesso cambiando nel giro di pochi mesi e nella maggior parte dei casi venendo riviste al ribasso.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast