Virus, in arrivo aiuti per i settori più colpiti

26 ott 2020

Allo stato costerà diversi miliardi il nuovo giro di vite, per arginare i contagi da corona virus. Soldi da trovare in fretta, visto che l'obiettivo del governo è aiutare entro metà novembre, i settori più colpiti, che già prevedono danni enormi e temono che i sussidi non saranno sufficienti. Fra indennizzi alle imprese di ristorazione, turismo, spettacolo, sport e il sostegno all'occupazione, servirebbero circa 5 miliardi. La cassa integrazione nella sua formula allargata sarà prorogata di altri 18 settimane ha annunciato la ministra del lavoro, Nunzia Catalfo. Si riuscirebbe così a coprire tutto l'anno in corso, e arrivare fino a gennaio con l'idea di allungare anche il divieto di licenziamento, che scadrebbe a dicembre. Previsti aiuti ai lavoratori stagionali a quelli dello spettacolo più il rinnovo per un altro mese, quindi anche a novembre del reddito d'emergenza, riservato alle famiglie in difficoltà. Per tutti questi interventi sarebbero necessari 3, 4 miliardi ai quali sommare oltre un miliardo di sussidi per le aziende. Andranno alle attività che dovranno chiudere le saracinesche o abbassarle in anticipo. L'assegno dovrebbe risultare più alto di quello erogato finora, in media il 20% della perdita, ma comunque commisurato ai minori incassi su base annua. Nel dovrebbero beneficiare, contrariamente al passato, anche le aziende con un volume d'affari superiore ai 5 milioni di euro. Il ministro del tesoro, Roberto Gualtieri ha stimato ristori per oltre 300000 aziende che riceveranno dall'agenzia delle entrate sul conto corrente in tempi brevi, "persino entro l' 11 novembre", ha aggiunto Gualtieri. Previsti infine aiuti per i fornitori dell'agroalimentare, il credito di imposta al 60% degli effetti commerciali per ottobre novembre e la cancellazione della rata IMU, che altrimenti l'azienda dovrebbe pagare entro metà dicembre.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.