Virus, Ocse: contro crisi spesa pubblica e tagli fiscali

05 gen 2021

La pandemia ha appesantito i conti pubblici quasi ovunque, in Italia il governo ha riversato nell'economia oltre 100 miliardi in deficit per compensare le restrizioni anticovid, alla fine del 2020 il debito arriverà a quasi il 160% del Pil e il deficit sfiorerà l' 11 %. Percentuali impensabili solo un anno fa, quando a regolare i conti pubblici c'erano ancora le regole del patto di stabilità. Non siamo certo un caso unico in Europa, le regole di bilancio sono state sospese fino a tutto il 2021, e forse lo saranno anche per il 2022. Ma cosa accadrà dopo? Un suggerimento, anche questo impensabile fino a non molto tempo fa, arriva da una delle principali istituzioni economiche transnazionali, l'Ocse che ai tempi della grande crisi finanziaria era tra i sostenitori dell'austerità. Ora la capo-economista Laurence Boone in un'intervista al Financial Times sembra dettare un cambio di linea, una volta iniziata la ripresa e con i tassi di interesse che rimarranno bassi a lungo, i governi, ha dichiarato Boone, dovrebbero proseguire con la spesa pubblica in deficit e riduzioni di tasse per sostenere la crescita e ridurre la disoccupazione. Gli Stati democraticamente eletti e le politiche fiscali devono tornare protagonisti e le banche centrali, i cui manager non sono passati dal voto popolare e le politiche monetarie, avere un ruolo di appoggio. Un eventuale ritorno all'austerità dei conti pubblici, sostiene Boone, potrebbe avere dei contraccolpi negativi. La gente si rivolterebbe contro aumenti delle tasse o politiche restrittive per far tornare deficit e debito ai livelli pre pandemia, la lezione, dice Boone, l'abbiamo imparata dalla crisi del 2009, l'errore all'epoca non fu la mancanza di stimoli all'economia, ma la stretta che venne dopo.

pubblicità
pubblicità