Virus, rischio gara deserta per 3 milioni di banchi

28 lug 2020

Io credo che ogni singolo euro speso per la scuola non sia perduto, ma costituisca invece un investimento. Un investimento per il futuro dell'Italia, arredi compresi. Ha ragione la Ministra dell'istruzione, Lucia Azzolina, il problema però è che i 3 milioni di banchi che si vogliono comprare per garantire la riapertura delle aule, riducendo i rischi di contagio da coronavirus, probabilmente al primo squillo della campanella di metà settembre non ci saranno. Le scuole sono chiuse da marzo per la pandemia ma si è aspettato il 20 luglio per pubblicare il bando per l'acquisto e le imprese italiane sostengono che consegnarli in tempo è un'operazione impossibile. La gara si chiude il 30 luglio, il 7 agosto si dovrebbero firmare contratti ed entro la fine del mese prossimo le aziende devono assicurare la consegna. Chi non rispetta la scadenza va incontro a penali e quindi il rischio che la gara vada deserta è alto. Ma cosa si dovrebbe costruire e recapitare in 23 giorni? Si tratta di banchi monoposto, la metà di tipo classico per gli alunni più piccoli, un milione e mezzo, con le ruote e la seduta incorporata in modo da facilitare il distanziamento e lo spostamento. Banchi di questo tipo hanno costi piuttosto alti. Si parla di qualche centinaia di euro. Ma quanto si spenderà, se si riusciranno ad acquistare, dipenderà dall'esito dell'appalto. Azzolina dice che le cifre circolate sono corbellerie, ma per i produttori i veri nodi sono altri. Per costruirli sono necessari tonnellate di acciaio e montagne di truciolato per il quale, a causa del lockdown, bisogna aspettare 4 mesi per una forniture che corrisponde alla produzione nazionale di 5 anni. Ci sono poi una serie di prescrizioni sugli standard da osservare e al massimo, calcolano le aziende del settore, potrebbero essere pronti, 120.000 banchi, ma non prima di fine settembre, dopodiché inizierebbero le consegne. A queste condizioni per gli auspicati 3 milioni di banchi, secondo gli industriali, non si farebbe in tempo neanche per Natale.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.