Francia, oggi urne aperte per primo turno legislative

Urne aperte dalle 8 di questa mattina in Francia per rinnovare i 577 deputati dell’Asamblea Nacional. Quasi 47 milioni di francesi sono chiamati alle urne per il primo turno delle elezioni legislative a un mese dall’insediamento del neo Presidente Emmanuel Macron. Il suo partito, la République En Marche , è dato come vincente. Se i sondaggi venissero confermati anche al secondo turno del 18 giugno la nuova Assemblea eletta sarebbe un’Assemblea inedita e profondamente rinnovata e si confermerebbe quella profonda ricomposizione del panorama politico già avviato con le elezioni di Macron all’Eliseo. In tutte le circoscrizioni elettorali sono 577. Il sistema elettorale è maggioritario uninominale. La maggioranza assoluta è di 289 seggi, chi la ottiene può fare a meno di negoziare ogni provvedimento con altri Gruppi parlamentari. Stando ai sondaggi degli ultimi giorni, la République En Marche dovrebbe stravincere e ottenere al primo turno il 30% - 31% dei voti. I Républicains sono dati al 21% - 22%, mentre Front National al 18%, la France insoumise di Mélenchon al 12% e i socialisti crollerebbero al 7%. La proiezione in termini di seggi consegnerebbe alla République En Marche una vasta maggioranza tra i 370 e 400 seggi. Il partito repubblicano, nonostante tutto, manterrebbe un buon numero di deputati, tra 120 e 150, mentre Front National, dopo l’exploit delle presidenziali, faticherebbe addirittura a formare un Gruppo in Parlamento. Sono necessari 15 deputati. Il partito di Marine Le Pen avrebbe, infatti, tra gli 8 e i 18 seggi. Disfatta totale per i socialisti, ridotti a pochi deputati, tra i 15 e il 25 contro i 280 attuali. Quanto alla France insoumise, rivelazione delle presidenziali, incasserebbe a Palais Bourbon tra i 12 e 22 seggi. Il verdetto finale sulla nuova composizione dell’Assemblea sembra solo all’indomani del secondo turno del 18 giugno ma già questa sera alle 20 si capirà il vento che tira e se veramente soffia così forte dalla parte del Presidente Macron.


  • TAG
Autoplay