Lotta all'Isis, forze irachene vicine alla moschea di Mosul

I miliziani dello Stato islamico sono ormai accerchiati nella parte occidentale di Mosul. Sulla linea del fronte, a sud-ovest della città, il generale Maan Al Saadi mostra un moderato ottimismo: “La seconda parte dell’offensiva è più veloce di quello che pensassimo – dice –, abbiamo quasi raggiunto la moschea Al Nuri. Ma dentro sanno di essere spacciati, sanno che non usciranno vivi di dì. Per questo sono sempre più crudeli”. Entriamo con i mezzi blindati della Golden Division, nelle aree appena liberate di Mosul. Ai bordi delle strade, profughi in attesa di lasciare la città. Intorno a noi, macerie e distruzione: “Non ci fidiamo di nessuno – ci dice questo soldato –, guardiamo con sospetto chiunque sia rimasto dentro. L’Isis ha fatto il lavaggio del cervello alla gente. Per quanto ci riguarda, chiunque può diventare un attentatore suicida, anche un anziano apparentemente innocuo”. Siamo sul fronte a sud-ovest di Mosul, Embedded con la Golden Division, le forze speciali dell’esercito iracheno. Pochi minuti fa, da quella strada è arrivata un’autobomba. Ora siamo sotto il fuoco incrociato dei cecchini. Il rumore dei colpi è ininterrotto. In ogni area scoperta diventiamo bersagli. Più la guerra si avvicina al centro della città, più i combattimenti diventano feroci. Dalle macerie esce un ragazzo: ha le mani alzate in segno di resa. Viene trascinato via dai soldati iracheni. Intorno a noi, tutti i cittadini che hanno deciso di non lasciare le proprie case sulla linea del fronte. Preferiscono vivere sotto il pericolo dei cecchini che abbandonare quello che resta delle loro abitazioni. Per chi non ce l’ha fatta, per i morti della guerra di Mosul un lento cammino su un carretto di fortuna, trainati tra i propri cari, in mezzo alle macerie. Come questo uomo e questa donna, morti alla fine di febbraio. Oggi, a distanza di quasi un mese, il loro quartiere è stato liberato e i loro corpi vengono trascinati dai parenti al cimitero.


  • TAG
500 Resource resolver is already closed.