Morte e decapitazioni, Facebook ammette i video violenti

L'azienda di Mark Zuckerberg: "Serve a condannare". Ma sul social network milioni di utenti sono bambini


  • TAG