Terremoto in Albania, si contano decine di feriti e danni

Paura in Albania, dove la terra ha tremato più volte per un fortissimo terremoto, il più violento degli ultimi 30 anni non lontano dalla capitale Tirana, con epicentro a 20 km di profondità nel Mar Adriatico, a un chilometro di distanza da Durazzo. La scossa più violenta è stata di 5.8 di magnitudo, poco dopo le, 16:00 di ieri, provocando panico fra i cittadini che hanno abbandonato le abitazioni, riversandosi sulle strade. E'stata una sensazione terribile quando abbiamo sentito il terremoto la prima volta eravamo dietro casa ed era così intenso che abbiamo fatto fatica ad uscire, mentre stavamo fuggendo alcuni bambini si sono fatti male. Abbiamo avuto tanta paura. Era così potente non abbiamo mai provato nulla di simile prima. La scossa è stata seguita da oltre cento più lievi di assestamento prima di un'altra fortissima di 4.9 intorno a mezzanotte, proprio quando il Governo albanese si trovava in una riunione straordinaria notturna per fare il punto della situazione. Al momento si contano decine di feriti e diversi danni, soprattutto nelle due località più colpite, Tirana e Durazzo sono oltre 400 le case più di 30 i palazzi danneggiati con crolli crepe nei muri e soffitti. Un bilancio che sembra però aggravarsi col passare delle ore, vista l'intensità della scossa avvertita anche in Puglia, soprattutto nel Salento e sul Gargano. Molte infatti le telefonate giunte ai vigili del fuoco di Lecce da cittadini allarmati dopo aver sentito le scosse, intanto proprio dall'Italia arriva la disponibilità ad aiutare l'Albania per le conseguenze del sisma, come ha dichiarato il primo ministro albanese Edi Rama, dopo una telefonata con Giuseppe Conte. Sul posto sono stati allestiti anche alcuni centri di accoglienza a disposizione dei cittadini resta un numero di emergenza.


  • TAG