4 luglio, polemica sulle celebrazioni volute da Trump

04 lug 2019

“Sarà uno spettacolo irripetibile” così Donald Trump ha presentato, via Twitter, le celebrazioni per il 4 luglio che andranno in scena oggi a Washington. La Festa dell'Indipendenza diventa il saluto all'America con carri armati schierati nel Mall, alla spianata di fronte al Congresso, esibizioni di jet militari che costano circa 120 mila dollari per ogni ora di volo, bande, concerti, oltre mezz'ora di fuochi d'artificio e, soprattutto, per la prima volta nella storia il discorso del Presidente al Lincoln Memorial, nel luogo simbolo da cui Martin Luther King pronunciò nel 1963 il famoso discorso “I have a dream” “Io ho un sogno” e il sogno patriottico di Trump, covato sin da quando due anni fa ha assistito alla parata militare sugli Champs-Elysées per il 14 luglio, la Festa della Bastiglia, si realizzerà così oggi con una celebrazione che diventa politica, finendo inevitabilmente al centro delle polemiche. “Polemiche, anzitutto, sui costi. I numeri non sono ancora chiari, ma si sa che, ad esempio, il Dipartimento dei parchi nazionali ha dovuto stanziare 2 milioni e mezzo di dollari, senza contare i costi extra per la sicurezza e poi ci sono anche le polemiche sulla decisione di militarizzare questa festa. Una decisione, dicono i critici, che richiama regimi autoritari. Non è un caso che oggi, a Washington, sono attesi anche centinaia di manifestanti, pronti a protestare contro Trump in questo 4 luglio che diventa, a questo punto, inevitabilmente, più che una festa di unità nazionale, una festa di divisione.” “L'anniversario del 4 luglio non dovrebbe essere divisivo. Lo scopo dovrebbe essere di celebrare la Nazione.” “Ed è d'accordo con la parata militare o pensa che sia un po' troppo?” “E' decisamente troppo.” “Credo che sia una bella iniziativa. Trump si batte per gli americani e la gente lo apprezza perché non abbiamo avuto un Presidente così per lungo tempo.” “Penso che quest'anno prevalga la voglia di emulare quello che avviene in regimi tipo quello cinese, dove si mette in mostra il potere militare. Sfortunatamente tutto questo ci costa anche un sacco di soldi.”.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.