40enne fa strage a Virginia Beach. Torna polemica su armi

01 giu 2019

Un uomo scontento, è questo l'aggettivo che gli americani stanno utilizzando per descrivere DeWayne Craddock, ingegnere quarantenne che venerdì ha imbracciato fucile e pistola da ucciso 12 suoi colleghi del municipio di Virginia Beach, prima di essere a sua volta freddato dalla polizia locale, DeWayne lavorava nel Dipartimento dei servizi pubblici della città, soprattutto, non ha avuto problemi a procurarsi le armi necessarie per sfogare la sua rabbia profonda sui suoi simili. Una facilità ad armarsi negli Stati Uniti, che nessuna strage mai sufficiente per limitare o perlomeno per regolamentare. In questo caso i motivi del gesto sarebbero legati al risentimento che l'omicida nutriva contro i colleghi. "E' venuto a vendicarsi", spiegano gli investigatori, e quella di Virginia Beach è così diventata la strage più sanguinosa in America dall'inizio dell'anno. Craddock aveva acquistato legalmente la pistola e i fucili usati per l'attacco. L'unica vera differenza che spiega quindi come ma negli Stati Uniti ci siano più stragi rispetto ad ogni Paese occidentale di cultura simile, è la presenza e la facile disponibilità di molte armi. Le prima parole su questa strage del Presidente americano, vengono affidate solo dopo molte ore, ad un tweet nel quale scrive: "ho parlato con il governatore della Virginia e con il Sindaco di Virginia Beach per esprimere le condoglianze a quella grande comunità. Il Governo federale è lì e lo sarà per qualsiasi cosa di cui abbiano bisogno". Un messaggio di vicinanza, dunque, senza però alcun riferimento alla vendita incontrollata delle armi.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.