Abusi Vaticano, S. Sede pubblica dossier Mccarrick

10 nov 2020

Come ha potuto un personaggio dalle simili condotte ricoprire ruoli di tale rilievo nella gerarchia ecclesiastica? É questo l'interrogativo a cui cerca di rispondere il report promesso due anni fa da Bergoglio sul caso McCarrick, 445 pagine, 4 pontificati, 90 interviste che ricostruiscono nel dettaglio, dagli anni 70 ad oggi, l'ascesa, la vita, le accuse, la carriera brillante del potentissimo cardinal Theodore McCarrick uncle Ted, zio Ted, come lui stesso chiedeva ai giovani seminaristi di farsi chiamare. Nominato Vescovo ausiliare di New York nel 77 da Paolo VI, Giovanni Paolo II lo fece poi Vescovo di Metuchen nell' 81, arcivescovo di New York nel 1986, arcivescovo di Washington nel 2000, cardinale nel 2001. Negli anni ha un susseguirsi di accuse mosse sottovoce prima, urlate poi. É l'agosto del 2018 quando il Nunzio apostolico negli Stati Uniti, monsignor Viganò accusa apertamente 3 Papi, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco, vescovi, cardinali, segretari di Stato, di sapere da anni di avere ignorato e coperto tutto. Ed ecco che su questo e non sugli abusi, di fatto provati in parte e confermati che il rapporto chiarisce le scelte di Giovanni Paolo II sulla carriera ecclesiastica di McCarrick fatte allora in assoluta buona fede. C'è di più. C'è una lettera con cui lo stesso cardinale giurò il falso al Papa, riuscendo ad ingannarlo e di fatto a raggiungere quello che era all'epoca dei fatti la sua più grande ambizione, diventare arcivescovo a Washington e poi il cardinale. In una lettera inviata a Stanisław Dziwisz, vicesegretario del Papa, il 6 agosto del 2000, il cardinale McCarrick affermò, riferendosi alle accuse di doppia vita che da più parti gli venivano mosse in quegli anni, nei 70 anni della mia vita non ho mai avuto rapporti sessuali con alcuna persona, maschio o femmina, giovane o vecchio, chierico o laico, né ho mai abusato di un'altra persona o l'ho trattata con mancanza di rispetto. Giovanni Paolo II credette a quelle parole.

pubblicità