Addio "Regina dei cieli", la Qantas pensiona il Boeing 747

25 lug 2020

Un messaggio scritto con un pennarello sulla fusoliera e poi via verso il cielo, la compagnia aerea australiana Qantas ha salutato così il Boeing 747 storico aeromobile e compagno di volo. Dopo il decollo da Sydney il jumbo jet ha disegnato nell'aria una coda di canguro che è il simbolo della livrea Quantas direzione deserto del Mojave in California, dove rimarrà di fatto, parcheggiato. Diciamo addio a un aereo ha cambiato il mondo dell'aviazione e ha sconfitto la tirannia della distanza, ha dichiarato l'a.d. della compagnia Alan Joyce. A bordo dei 747 giganti dei cieli da due piani e quattro motori la Quantas ha trasportato oltre 250 milioni di passeggeri in quasi mezzo secolo di attività. Tra loro anche la regina Elisabetta è tutte le squadre olimpiche australiane, a partire dal 1984 un passato glorioso, tanto da essere rinominato regina dei cieli, ma ormai insostenibile economicamente. Che i 747 sarebbero stati dismessi era noto il coronavirus ha fatto il resto accelerandone il pensionamento. Troppo costoso far volare aerei da 400 posti vuoti a causa della crisi del trasporto aereo provocata dalla pandemia. Per questo anche British Airways, la compagnia con più jumbo jet al mondo, ha annunciato il ritiro dell'intera flotta 747 con effetto immediato e non più nel 2024 come inizialmente previsto. Boeing ha fatto sapere che la produzione degli aeromobili già ordinati andrà avanti, ma nel futuro della regina dei cieli sembra esserci spazio solo per il trasporto merci.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.