Afghanistan, diritti delle donne ancora nel mirino

28 set 2021

Sono considerati brutali, crudeli, inaffidabili e anche con scarsa propensione allo studio se non quello coranico ma sembra abbiano dei barlumi di sarcasmo. Il nuovo giro di vite sui diritti delle donne in Afghanistan passa infatti attraverso il divieto a frequentare l'Università di Kabul con il rettore dell'Ateneo che giustifica però la decisione citando Donald Trump. Islam first and make Kabul University great again sono infatti la versione talebana dell'American first e del make America Great again di trumpiana memoria. Una scelta che non può essere casuale ma che nei fatti si abbatte senza alcun sarcasmo ancora una volta sulle donne afgane. Fino a quando non sarà fornito un vero ambiente islamico per tutti alle donne non sarà permesso di venire all'università né per studiare né per lavorare, annuncia infatti il rettore e su come realizzare l'ambiente islamico le trovate sono grottesche. A causa della carenza dei docenti donne stiamo lavorando ad un piano affinché i docenti maschi possano insegnare alle studentesse da dietro una tenda nelle classi, spiega ancora il rettore. Ci sono poi oltre 220 giudici donne che vivono nascoste in diverse parti del paese. Alcune hanno raccontato di aver ricevuto minacce di morte dai talebani che avevano condannato per gli omicidi delle mogli ma l'emirato islamico annuncia intanto l'adozione di una Costituzione, quella monarchica del 1964 che introduceva e incentivava il voto proprio alle donne. Questa parte però verrà eliminata, spiega il Ministro della Giustizia talebano, perché in conflitto con l'interpretazione della Sharia dei sedicenti studenti coranici e non sarà l'unica parte da sforbiciare secondo la stessa interpretazione.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast