Agguato in Niger, capomissione Coopi: pericolo imminente

10 ago 2020

Il Niger sta diventando un Paese africano sempre più pericoloso. Ci spiega come mai? Dal 2015 è in atto un attacco dai gruppi di Boko Haram, nella zona est, che si chiama Diffa, dove ci sono stati vari attacchi e la popolazione ne ha subite e ancora subisce, delle grosse ritorsioni perché sono… la maggioranza sono popolazioni sfollate, dove è difficilissimo, adesso, fare qualsiasi altra attività economica. La zona di Agadez che è la zona di passaggio delle merci e delle persone, e dove dal 2015 è proibito il trasporto delle persone perché la maggioranza delle persone uscivano dal deserto per poi prendere la strada per la Libia e arrivare in Europa. Si suppone che molti gruppi siano rientrati dalla Siria e si stiano rinforzando in questo triangolo che comprende i tre paesi. La zona dove è avvenuto l'agguato, dove sono stati uccisi i cooperanti francesi era ritenuta sicura. Me lo conferma? Sì sì, questa zona ritenute molto sicura a 60 chilometri dalla capitale, in cui è una visita che spesso facciamo quasi tutti i cooperante la domenica perché non ci sono molti posti da visitare, è una zona… una riserva creata dall'Unione europea alcuni anni fa, dove ci sono un tipo di giraffe particolari. Questo significa che purtroppo i gruppi armati non… qua li chiamano “non statali”, si stanno avvicinando alla città di Niamey che è comunque la città da prendere, insomma, da conquistare, essendo la capitale del Paese, quindi per noi è un bruttissimo segnale, oltre al fatto dell’efferatezza dell'attacco.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast