American rescue plan, Congresso approva maxi manovra

11 mar 2021

American Rescue Plan è uno dei più importanti provvedimenti nella storia degli Stati Uniti, vale 1900 miliardi di dollari, 24 punti di Pil e finanzia e amplia una variegata serie di misure varate lo scorso anno, dagli assegni di disoccupazione alle detrazioni per i figli, dai fondi per la distribuzione dei vaccini all'ammodernamento delle scuole, passando per gli aiuti ai ristoratori. La parte più consistente coprirà gli assegni da 1400 dollari per chi ne guadagna meno di 75000 l'anno o 150000 per le coppie sposate. Sopra queste cifre c'è un taglio dell'importo, da 80000 da singoli e da 160000 in coppia si perde ogni beneficio. I sussidi di disoccupazione da 300 dollari settimanali che sarebbero scaduti tra pochi giorni, andranno avanti fino al 6 settembre e non saranno tassati per i primi 10200 dollari, in totale costeranno circa 246 miliardi. La manovra espande poi considerevolmente le detrazioni per chi ha figli fino a 17 anni, andando a beneficiare il 20% più povero delle famiglie che, mediamente, pagheranno oltre 6000 dollari l'anno in meno, a livello nazionale, invece, quest'anno le tasse saranno tagliate per 467 miliardi. Circa il 7% del pacchetto finanzierà spese direttamente legate all'emergenza sanitaria, prevalentemente test e tracciamento, 16 miliardi andranno a pagare la distribuzione e l'approvvigionamento di vaccini, 10 miliardi l'acquisto e la distribuzione di dispositivi medici, alla scuola andranno 176 miliardi di cui 130 per spese direttamente legati all'aggiornamento imposto dalle norme anti covid come ventilazione delle aule e dispositivi di protezione personali. 59 miliardi saranno gli aiuti per le piccole imprese, 56 sono destinati ai trasporti, mentre a disposizione di Stati e amministrazioni locali la legge stanzierà altri 360 miliardi. Niente da fare invece per l'aumento del salario minimo, fermo a 7 dollari e 25 centesimi l'ora da vent'anni che una prima versione del piano voleva raddoppiare a 15, troppo controverso e senza possibilità di trattare è stato infine stralciato.

pubblicità
pubblicità