Appello all'Onu, stop a robot killer: pericolo per umanità

21 ago 2017

“Fermate i robot killer” è l’appello indirizzato all’ONU, firmato proprio dai fondatori delle aziende di robotica, da chi, dunque, pensa e progetta le tecnologie dotate di intelligenza artificiale e si rende davvero conto di quanto potenzialmente distruttive possano essere le armi letali autonome, tecnologie militari che non prevedono la presenza umana sul campo di combattimento ma che vengono istruite e telecomandate a distanza come i droni, ad esempio. La minaccia è seria, l’appello urgente, tanto che – scrivono in una lettera aperta le Nazioni Unite – potrebbe concretizzarsi il rischio di una terza rivoluzione in campo militare. 116 i firmatari dell’accorato appello contro i soldati robot, pericolo per l’umanità. Un tema, secondo gli imprenditori della robotica, ancora non preso in considerazione dall’ONU con la dovuta serietà e urgenza. Tra loro spicca il nome di Elon Musk, visionario patron di Tesla e di SpaceX, da sempre sensibile all’argomento. Ci sono anche due italiani: Alessio Bonfietti e Angelo Sudano, fondatori e AD rispettivamente di MindIT e ICan robotics. L’imperativo è lasciare intatto il vaso di Pandora perché una volta aperto sarebbe difficile richiuderlo. Le armi autonome permetterebbero ai conflitti armati di essere combattuti su una scala spazio-temporale più grande e più veloce di quanto gli umani possano comprendere, così dicono gli esperti dell’intelligenza artificiale, potrebbero, dunque, diventare mezzi di distruzione letale nelle mani di hacker, dittatori e soprattutto terroristi.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA