Arma di Baldwin usata anche per gioco con proiettili veri

25 ott 2021

La pistola utilizzata da Alec Baldwin, durante la prova di una scena del film Rust e dalla quale è partita la pallottola che ha ucciso la direttrice della fotografia Halyna Hutchins, sarebbe stata utilizzata giorni prima dell'incidente da alcuni componenti della troupe per gioco, con proiettili veri. Sono alcuni dei dettagli che emergono dalle indagini, ancora in corso, che stanno portando avanti investigatori di Santa Fe, e che potrebbero spiegare anche perché la pistola usata da Baldwin contenesse al suo interno un proiettile reale e non fosse a salve. Al momento non sono state formalizzate accuse allo stesso Baldwin, non dovrebbe rischiare un incriminazione per omicidio colposo. Non sapendo che la pistola fosse carica. L'attore però potrebbe andare incontro a diverse cause civili, essendo co-produttore del film, considerato anche che la produzione ha dimostrato ampie carenze in termini di sicurezza sull'uso delle armi sul set. Giorni prima dell'incidente alcuni elementi dello staff che stavano lavorando al film, avrebbero contestato alla produzione carenze nei protocolli di sicurezza sulle armi. Prima di giovedì altri due episodi simili si erano registrati sul set, senza però conseguenze, le stesse persone poi si sarebbero dimesse anche per i pesanti orari di lavoro, lunghi viaggi per raggiungere il set e salari non adeguati. Al momento al centro delle indagini ci sarebbe la 24enne Hannah Gutierrez Reed, la responsabile delle armi sul set. Era proprio compito della giovane donna assicurarsi che le armi fossero sicure, la stessa Reed alla prima esperienza di responsabilità in un film. Mesi fa in un podcast dichiarò di non sentirsi ancora all'altezza per un ruolo di quel tipo. Occhi puntati anche sull'assistente alla regia David Halls, colui che consegnò l'arma a Baldwin, definendola sicura e non carica. Gli investigatori stanno cercando di capire se l'uomo avesse ricevuto questa informazione dalla responsabile delle armi o fosse arrivato ad una conclusione soltanto per una sua deduzione, in questo caso anche lui potrebbe rischiare un incriminazione. lo stesso Halls in passato su alcuni set per cui ha lavorato, era stato accusato di comportamenti poco sicuri nell'uso delle armi.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast