Arresto Puigdemont, legali: nuovo ricorso Corte Ue. VIDEO

24 set 2021

Si protesta davanti al Tribunale di Sassari, si protesta davanti al consolato italiano di Barcellona e per le strade tornano a sventolare le bandiere degli indipendentisti. Si protesta aspettando l'udienza di convalida dell'arresto dell'ex Presidente della Catalogna Carles Puigdemont fermato in Sardegna, ad Alghero dove era prevista la sua partecipazione ad un convegno. Su di lui pende un mandato di arresto emesso dal Tribunale supremo spagnolo con l'accusa di ribellione per aver organizzato il referendum sull'indipendenza del 1 ottobre 2017, mandato sospeso dalla Corte europea il 30 luglio scorso che allo stesso tempo rigetta la richiesta di sospensione dell'immunità parlamentare. "Non vi è motivo di ritenere che le autorità giudiziarie belghe o di un altro Stato membro possano eseguire mandati di arresto europeo, emessi nei confronti dei deputati e consegnarli alle autorità spagnole", la sentenza. Per il Governo di Pedro Sanchez deve esse processato, il suo avvocato punta a misure cautelari per recuperare l'immunità. Una storia, questa, con radici lontane. Era il 30 ottobre del 2017 quando Puigdemont espatriò a Bruxelles per sottrarsi al carcere chiesto dalla Procura di Madrid, nel 2018 viene fermato in Germania ma non estradato, torna in Belgio e da lì conquista un seggio al Parlamento europeo.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast