Attacchi raffinerie, entro oggi ripristinato un terzo produzione

16 set 2019

L'Arabia Saudita lotta contro il tempo per riportare a regime la produzione petrolifera. Dopo gli attacchi a due suoi impianti l'Aramco ha dichiarato che sono in corso lavori per ripristinare la produzione Petrolifera. Il danno subito dimezzato La capacità produttiva di petrolio nel Regno Saudita. Il taglio è di 5,7 milioni di barili al giorno, pari a circa il 6% di tutta la fornitura globale. La compagnia petrolifera prevede di ripristinare circa un terzo della produzione entro oggi. Gli attacchi hanno colpito al cuore il sistema economico Saudita, mandando in fiamme il più grande impianto al mondo per il trattamento del greggio. Sul fronte geopolitico le accuse virano contro l'Iran. A puntare il dito contro Teheran per primo il segretario di stato americano Mike Pompeo che su Twitter ha messo in dubbio la rivendicazione dei ribelli dello Yemen, che pure sono legati a doppio filo con Teheran. In tutta risposta il Presidente iraniano Rouhani ha replicato alle accuse statunitensi respingendole fortemente, dicendo "Gli Stati Uniti prendono atto che i problemi di questa regione derivano dalla loro presenza nell'area". Da Bruxelles una portavoce dell'alto rappresentante per la politica estera dell'Unione europea, Federica Mogherini, ha fatto un monito contro il rischio di escalation delle tensioni in Medio Oriente.

pubblicità