Berlino, mistero su morte diplomatico russo

06 nov 2021

Un alone di mistero avvolge la morte di Kirill Zhalo, un diplomatico dell'Ambasciata russa a Berlino considerato, dalle autorità tedesche, un funzionario del Servizio Segreto FSB. Il corpo senza vita del 35enne è stato ritrovato il 19 ottobre di fronte all'Ambasciata russa dagli agenti della polizia tedesca, in circostanze che il settimanale Der Spiegel definisce misteriose. Non è chiaro se Zhalo sia morto per l'impatto o precedentemente e lo status di diplomatico ha impedito di eseguire l'autopsia e di aprire un'indagine sul caso. Dal canto loro le autorità russe hanno definito la morte "un tragico incidente" e immediatamente rimpatriato il corpo, smentendo l'appartenenza ai Segreti Segreti. Mentre gli 007 tedeschi confermano i sospetti sul ruolo di Zhalo nell'intelligence si aggiungono ulteriori dettagli. Il diplomatico era il figlio del Tenente Generale Alexeij Zhalo, Capo dell'Ufficio per la Protezione del Sistema Costituzionale dell'FSB, un Dipartimento noto per le sue presunte attività volte a eliminare gli oppositori russi. Ufficio che, secondo gli investigatori, sarebbe legato al famoso assassinio in un parco di Berlino, il 23 agosto del 2019, dell'oppositore ceceno Zelimkhan Khangoshvili. Il caso Zhalo allunga la lista dei diplomatici russi morti in circostanze misteriose: se ne contano nove negli ultimi anni. Il più noto quello dell'Ambasciatore all'ONU nel 2017.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast