Bolsonaro: "Ma quali incendi, Amazzonia è foresta pluviale"

31 ott 2019

Bolsonaro e il Papa, il Pontefice della Chiesa cattolica e il Presidente del Brasile. Entrambi latino-americani, ma tra loro la differenza e la diffidenza è palpabile. Soprattutto dopo il Sinodo sull’Amazonia fortemente voluto da Francesco, che si è concluso domenica. A tema: l'inquinamento, gli incendi delle foreste, la persecuzione contro gli indios, l'attacco alle culture locali. Per tre settimane, l'aver radunato in Vaticano, Vescovi, esperti e capi indigeni ha riportato il tema dell’Amazonia e i pericoli che corre sotto gli occhi del mondo. Cosa sgraditissima a Bolsonaro, che ha criticato fortemente il Sinodo dello stesso Papa. “Il Vaticano entra negli affari interni di una Nazione.” ha tuonato. E per mostrare la sua irritazione non ha voluto partecipare alla messa di canonizzazione di una suora, Dulce Lopes Pontes, veneratissima nella Nazione, chiamata la madre Teresa del Brasile. Scelta clamorosa, tanto più che la messa ha visto la partecipazione in piazza San Pietro, veniva canonizzato anche il cardinal Newman, persino di Carlo d'Inghilterra, futuro governatore supremo della Chiesa anglicana. Ma le proteste di Bolsonaro non sono terminate con il Sinodo. È di queste ore la sua partecipazione in Arabia Saudita alla conferenza sugli investimenti del futuro, dove ha difeso il suo operato da ogni critica, ribadendo, ancora una volta, che sul Brasile decide lui, e dicendo che in questo è appoggiato dal Presidente Trump. “Giungla Amazzonica è nostra. Appartiene al Brasile. Donald Trump ha preso l'iniziativa e ha difeso il Brasile, affermando che non si può prendere nessuna misura contro il Brasile senza sentire il suo Presidente.” E il Presidente ha aggiunto “Le cifre sono chiare. La regione amazzonica non in fiamme, non prende Fuoco. È, per definizione, una foresta pluviale tropicale, non è possibile che prende fuoco.” Insomma, inquinamento, deforestazione incendi, di cui tanto si è parlato al Sinodo, per Jair Bolsonaro sono una fake news.

pubblicità