Brexit, contro crisi approvvigionamenti Uk schiera esercito

27 set 2021

Militari in attesa, si spera, dei camionisti. La soluzione più immediata alla crisi degli approvvigionamenti che sta affliggendo la Global Britain di Boris Johnson, e che è dovuta alla mancanza di circa 100 mila autotrasportatori, sembrerebbe essere proprio questa: facilità dell'arrivo di benzina e diesel ai distributori, attualmente ne risulterebbero a secco il 90% dopo un weekend di isteria collettiva, utilizzando i mezzi dell'esercito. In attesa che 5 mila autotrasportatori del continente europeo, e non solo, decidano di beneficiare di un visto che permetta loro di lavorare, da qui a Natale, nel Regno Unito. Già perché è proprio la festività più importante dell'anno a preoccupare, poiché comporta un considerevole aumento dei consumi già molte settimane prima, per permettere che i tacchini arrivino sulle tavole degli inglesi per dicembre, il Governo ha dato anche l'annuncio del rilascio di altri 5.500 visti temporanei destinati ai settori dell'agricoltura e dell'allevamento. Basterà un totale di 10.500 visti a far tornare la situazione alla normalità? Le varie categorie di settore ne dubitano, le catene di supermercati, da sole, hanno già dichiarato che per tornare ad avere tutti gli scaffali pieni avrebbero immediato bisogno di 15 mila autotrasportatori in più. Ironia della sorte: in un paese che ha celebrato due mesi fa il ritorno alla normalità post pandemia viene ora consigliato, a chi può, di lavorare da casa e utilizzare il meno possibile la macchina, in attesa che la situazione si risolva.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast