Brexit, Johnson: Gb riprende in mano il suo destino

24 dic 2020

Battere il covid è la nostra priorità nazionale numero uno e volevo interrompere qualsiasi incertezza per poter dare al Paese la miglior chance possibile di ritornare più forte di prima l'anno prossimo, quindi sono molto lieto di dirvi che questo pomeriggio abbiamo completato il più grande accordo del valore di 660000 milioni di sterline l'anno con un accordo di libero commercio stile Canada tra Unione Europea e il Regno Unito che proteggerà i lavori, le merci britanniche che permetterà di vendere senza quote e senza tariffe sul mercato europeo. Un accordo che permetterà alle nostre aziende, ai nostri esportatori di fare ancora più business con i nostri amici europei che ci permetterà di raggiungere qualcosa che il popolo di questo Paese istintivamente sapeva che era possibile anche se qualcuno diceva che era impossibile. Abbiamo ripreso il controllo delle nostre leggi, del nostro destino, abbiamo ripreso il controllo su ogni parte delle nostre norme nazionali. A partire dal 1° gennaio saremo al di fuori dell'unione doganale, al di fuori del mercato unico, le leggi britanniche saranno emesse solamente dal Parlamento europeo, interpretate dai giudici britannici e la giurisdizione della Corte di giustizia europea si interromperà.

pubblicità