Britney Spears contro la tutela del padre

23 giu 2021

Dite la verità, voi con 8000 dollari al mese stareste benissimo ma, diciamola tutta, voi non siete Britney Spears. La ex teenager pop star planetaria da decine di milioni di dischi e dollari in banca invece ci sta comprensibilmente stretta. Eppure è la paghetta che riceve dal padre da ben 13 anni da quando, cioè, in seguito a un esaurimento nervoso dopo il divorzio, un tribunale di Los Angeles affidò i figli all'ex marito e i soldi al genitore. Ora però Britney, che ormai ha 39 anni e nel frattempo ha pubblicato quattro album, ed è apparsa come giudice in due popolarissimi talent show, si è stufata e porta il papa in tribunale. La tutela legale alla quale è sottoposta dal 2008 significa che, tutti i principali aspetti della tua vita, della gestione di un patrimonio stimato in una sessantina di milioni, alle visite mediche da fare, sono decisi dal padre col quale il rapporto non è evidentemente idilliaco. Non facile la vita della baby macchina da soldi. Carte confidenziali, trovate dal New York Times, rivelano che privatamente la cantante si sia per anni lamentata di essere stata costretta a esibirsi anche con la febbre o di essere spedita in clinica contro la sua volontà, sospetti che, nonostante non faccia propriamente una vita di stenti, avevano fatto nascere anche un vero e proprio movimento di fan e celebrità che pubblicamente inneggiavano: Liberate Britney. Eppure sono agli atti anche le parole da lei depositate in tribunale, quando ammise che la tutela l'aveva salvata dalla rovina personale e finanziaria, permettendole di tornare a concentrarsi solo sulla musica, cosa che adesso minaccia di non fare più, almeno finché non tornerà padrona della sua vita e del suo portafoglio.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast