Caso Epstein, Ghislaine Maxwell giudicata colpevole

30 dic 2021

Ci sono volute 40 ore di Camera di Consiglio, ma alla fine il verdetto della Giuria è arrivato. Ghislaine Maxwell, l'ex fidanzata e complice di Jeffrey Epstein, è colpevole di 5 dei 6 capi d'accusa mossi nei suoi confronti. Colpevole, di aver reclutato e adescato per 10 anni, dal 1994 al 2004, giovani ragazze poi vittime di abusi di Epstein. Alcune, non avevano compiuto nemmeno 14 anni. Giovani, convinte a vendersi per pochi dollari o qualche capo di abbigliamento in più. Ora la donna sessantenne, figlia dell'ex Re dell'editoria britannica Robert Maxwell. Rischia di passare il resto della sua vita in carcere. A New York, la Giuria l'ha giudicata colpevole di 5 reati tra cui il più grave, il traffico sessuale di minori, che prevede una pena massima di 40 anni di detenzione. Mentre per le altre accuse, si va dai 5 ai 10 anni. Ghislaine, è stata invece assolta dall'accusa di aver incitato una minorenne a viaggiare, attraversare i confini per motivi sessuali. Ma l'amica, amante di Jeffrey Epstein, il milionario newyorkese morto suicida nel 2019, in carcere dove era rinchiuso con l'accusa di aver gestito un traffico sessuale di minorenni, al servizio dei vip. Dopo aver ascoltato il verdetto, ha lasciato rapidamente l'aula del Tribunale. Chi era presente racconta, che la donna si è alzata ha gettato uno sguardo verso i suoi fratelli, e poi è andata via senza nemmeno parlare con i suoi avvocati. Il verdetto c'è stato, ma per la sentenza non è stato ancora fissata una data. Alla difesa, che ha provato in tutti i modi di smontare le accuse, prontamente respinte dai racconti dettagliati dalle vittime degli abusi. Non è rimasto che chiedere al Giudice la possibilità, per la Ghislaine Maxwell, di ricevere la terza dose del vaccino per il Covid-19.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA