Caso Khashoggi, rapporto della Cia accusa l'Arabia Saudita

25 feb 2021

L'America che è tornata come ha detto qualche giorno fa il nuovo Presidente Biden non a tutti piacerà e ad alcuni piace forse già meno. Un rapporto dell'intelligence statunitense rivela infatti che il principe Saudita Mohammed bin Salman, sarebbe implicato nell'omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, opinionista del Washington Post, critico nei confronti della famiglia regnante brutalmente assassinato in circostanze misteriose all'interno del consolato Saudita di Istanbul nel 2018. Riad aveva ammesso che un'operazione di estradizione semi illegale era finita male, negando ogni coinvolgimento diretto, ma assumendosi la responsabilità. 5 uomini erano stati mandati in galera e sperava di chiuderla lì. Ma la Cia ha invece scoperto che due jet privati utilizzati dal commando killer erano di proprietà di una società del potente principe che dunque non solo non poteva non sapere, ma avrebbe addirittura ordinato l'assassinio. L'amministrazione Trump aveva chiuso un occhio su questo rapporto per preservare la cooperazione economica strategica in funzione anti iraniana. Quella di Biden, che ha fermato la vendita di armi a Riad per impedire che le usasse nella guerra in Yemen, lo rende pubblico. Il Presidente ne parlerà direttamente con l'anziano re Salman. Anche la Cina comincia ad assaggiare la nuova America, nell'audizione al Senato per la sua conferma il prossimo capo della Cia ha detto che Pechino e il suo atteggiamento predatorio sono una priorità della sicurezza nazionale. Poco dopo il Presidente ha firmato un ordine esecutivo per disegnare una catena di fornitura China free e svincolarsi dalla dipendenza cinese in settori strategici quali microchip, batterie elettriche, farmaceutica, dispositivi medici e minerali necessari per l'elettronica. Ora è Mosca che aspetta la prima mossa avversa di Washington. Le sanzioni da Trump annunciate ma mai attuati in risposta all'avvelenamento e all'incarcerazione del dissidente Navalny con Biden, sono pronte a diventare realtà.

pubblicità
pubblicità