Caso Nizza, duro botta e risposta Lamorgese-Salvini

30 ott 2020

Sullo sfondo i fatti di Nizza, ma la polemica politica tocca in pieno l'Italia, dopo aver accertato i movimenti del killer tunisino, ecco una giornata scandita da accuse e veleni, con continui botta e risposta. Protagonisti da una parte il ministro dell'interno Luciana Lamorgese e dall'altro il numero uno della lega Matteo Salvini, che chiede a gran voce le dimissioni del responsabile del Viminale, puntando il dito contro quello che lo stesso Salvini definisce un Governo di incapaci e di complici, Lamorgese che si difende e che a sua volta attacca i decreti sicurezza messi in campo proprio da Salvini. I decreti sicurezza anziché creare sicurezza hanno creato insicurezza perché 20.000 persone sono dovute uscire dall'accoglienza da un giorno all'altro. Attacchi e contrattacchi, la Lega invita la ministra a riferire in Parlamento e Lamorgese risponde. Questo forse è il momento di avere un attimo di fermarci con queste polemiche, essere vicini al popolo francese e ai vari paesi europei, perché questo è un attacco all'Europa, perché non dimentichiamo che a Lampedusa, l'Italia è la porta d'Europa. Chiusura con il segretario del Carroccio, che torna anche sulla questione porti chiusi. Qualcuno sta pensando di richiudere a casa gli italiani tenendo i porti aperti per i clandestini, fa il male dell'Italia e dell'Europa. Il comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica ascolterà nei prossimi giorni il ministro dell'interno e anche il capo della polizia, Franco Gabrielli, punti segnati in rosso nell'audizione, il caso Nizza, ma anche gli scontri di piazza che si sono verificati in diverse città italiane durante le proteste contro il DPCM.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.