Cile, Gabriel Boric vince le presidenziali

20 dic 2021

Un momento storico, una vittoria che non ha precedenti e sulla quale in pochi avrebbero scommesso e non per i sondaggi che al ballottaggio lo davano in vantaggio. In Cile la svolta arriva dal giovanissimo Gabriel Boric leader di una sinistra che si prende il potere con ampio margine, 56% circa per cambiare tutto. Una vittoria netta, battuto l'ultraconservatore Kast con un vantaggio schiacciante di oltre 11 punti, che questo sì, nessun sondaggio o analista aveva potuto prevedere. Un desiderio di cambiamento fortissimo testimoniato da un dato di affluenza superiore al 50%, oltre otto milioni di voti. Appunto un gran sollievo per i tanti che si sono presentati alle urne sperando nel nuovo. Boric a 36 anni sarà, il prossimo 11 marzo 2022, il più giovane presidente della storia del Cile. Kast, estrema destra, padre affiliato al partito nazista e zio ministro durante gli anni sanguinosi di Pinochet lo chiama e ammette la sconfitta ma del resto con questi dati non avrebbe potuto fare molto diversamente. Il sindaco comunista del distretto di Recoleta a Santiago del Cile, rivale di Boric nelle primarie dichiara. Con questa vittoria consideriamo chiuso il capitolo della dittatura di Augusto Pinochet. I cileni ringraziano.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA