Cop26, Cingolani a Sky TG24: "Giudizio medio, molto da fare"

13 nov 2021

"Un giudizio su questa Cop26 che si è appena conclusa" "Ma un giudizio diciamo medio nel senso che risultato importante, che abbiamo portato 195 paesi del mondo tutti sotto l'ombrello delle Nazioni Unite accettando il fatto che si debba avere maggiore ambizione, quindi andare a 1,5 gradi non ha 2 gradi riscaldamento globale questo risultato importante. Sono state sviluppate delle regole che ci consentiranno, di trasparenza e di operazione, che ci consentiranno di perseguire gli accordi di Parigi, si spera in maniera controllata, riproducibile, quindi che tutti i paesi abbiano le stesse regole. Dal punto di vista finanziario c'è molto da fare i contributi non sono arrivati tutti e questo secondo me non è lodevole per le nazioni ricche, è stato fatto un ammorbidimento di alcune alcune parti perché Cina e India per partecipare, con questi impegni gravosi, tipo quello del 1,5 gradi è importante hanno richiesto un alleggerimento di alcune condizioni almeno per la parte iniziale, è stato condotto poi dal governo UK secondo , diciamo, uno schema di azione che loro hanno ritenuto opportuno e diciamo prendiamone atto considerando comunque c'è una parte importante buona e sono anche altre cose bisognerà lavorare moltissimo, a partire dalla prossima Cop26 che sarà in Egitto ma avendo delle regole che con questa Cop26 sono state stabilite in maniera abbastanza chiara." "Molto è stato rimandato all'anno prossimo?" "Diciamo che è stato fatto un apparato di regole abbastanza chiare, adesso bisogna metterci dentro il contenuto e vedere cosa succederà. Io diciamo in questo momento, personalmente, sospendo il giudizio. Voglio vedere poi, avendo delle buone regole, quando si riuscirà a fare nei fatti.".

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast