Coronavirus, bar chiusi a Los Angeles, più casi in Brasile

29 giu 2020

C'è il vuoto nei bar di Los Angeles, il governatore della California Gavin Newsom ha ristabilito il lockdown per i locali di LA e di altre cinque contee a causa del rapido incremento dei casi di coron avirus. Un'ampia fascia della popolazione inventa fantasiose proteste contro il Governo americano ed il sistema sanitario, mentre alla John Hopkins University, segnala oltre 38 mila nuovi casi nelle ultime 24 ore, superati in totale i 2 milioni 500 mila contagi con più di 125 mila morti nel Paese più colpito al mondo. In Florida, dove il virus si sta diffondendo tra i trentenni, per il governatore la soluzione non è però nel lockdown. Il vaccino potrebbe non bastare a garantire l'immunità di gregge. Lo ha dichiarato Anthony Fauci, l'epidemiologo che guida la task force della Casa Bianca. Molti cittadini non sono neppure propensi al trattamento, secondo i sondaggi. Gli americani non rispettano abbastanza le regole secondo il vicepresidente Pence, che dal Texas raccomanda l'utilizzo delle mascherine. Virus e povertà dilagano in Brasile con più di 57 mila vittime e oltre un milione e 300 mila casi. Copacabana è insorta contro il Presidente Bolsonaro, sostenuto invece dai suoi fans a Brasilia. I negozi hanno comunque riaperto, la gente è tornata massiccia per strada. Per analoghe ragioni si protesta in Messico, si lamentano malasanità e crisi profonda. La sfiducia nelle autorità è ancora più radicata tra gli abitanti della poverissima Haiti, molti dei quali negano l'esistenza del Covid e si rivolgono ai medici quando ormai le loro condizioni sono troppo critiche. L'epidemia è stato un disastro per l'Inghilterra. Lo ha ammesso Boris Johnson, che annuncia future indagini. A causa di un nuovo focolaio in un'azienda alimentare, si valuta se ristabilire il lockdown a Leicester. Così come in Australia, a Melbourne, anche se nel resto del Paese il virus è pressoché scomparso. Tra Gerusalemme e Tel Aviv il Gay Pride si è celebrato con contenimento. In Cisgiordania i casi stanno però aumentando e a Betlemme è stato deciso un lockdown di due settimane.

pubblicità

Vuoi vedere altro ?

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.